Le Cascate di Sangue in Antartide : svelato il mistero colpa del ferro ossidato

le cascate di sangue in antartide -

Il mistero di lunga data che circonda le Cascate di sangue dell’ Antartide è stato finalmente risolto. Le cascate di colore rosso intenso sono state scoperte in Antartide nel 1911, quando gli scienziati notarono che un fiume aveva macchiato la scogliera di ghiaccio circostante con un colore rosso scuro. In precedenza, avevano creduto che fosse dovuto a alghe.

Ora, grazie alla ricerca dell’ Università di Alaska Fairbanks, conosciamo la vera origine delle cascate di sangue che sgorgano dal ghiacciaio Taylor. La colorazione rosso intenso è dovuto al ferro ossidato in acqua salata, lo stesso processo che dà al ferro un colore rosso scuro quando arrugginisce. Quando l’ acqua salata  con l’ ossigeno il ferro si ossida e assume una colorazione rossa,  tingendo l’ acqua con un colore rosso intenso.

 Il team di ricerca calcola che l’ acqua salata impiega circa 1,5 milioni di anni per raggiungere finalmente le Cascate del Sangue mentre si fa strada attraverso fessure e canali nel ghiacciaio.L’ acqua proviene da un lago salato sotto il ghiacciaio del Taylor, che col tempo ha raccolto il ferro dalla roccia sottostante. La mistura ricca di ferro, che è sottoposta ad alte pressioni a causa del ghiacciaio sovrastante, viene iniettata attraverso le fessure del ghiacciaio nel tentativo di orientarsi verso pressioni più basse.Inizialmente si supponeva che l’ acqua dovesse essere congelata.Tuttavia, diversi fattori permettono all’ acqua di rimanere liquida. Uno è il rilascio di calore latente associato al congelamento dell’ acqua, questa bassa quantità di calore contribuisce a mantenere l’ acqua al di sopra della temperatura di congelamento. Inoltre, l’ acqua supersatura in sale congela ad una temperatura inferiore rispetto all’ acqua dolce.  

È interessante notare che le cascate di sangue contengono anche una serie di microbi che possono sopravvivere in condizioni estreme. Queste comunità microbiche vivono di solfati nell’ acqua e creano energia attraverso la riduzione del solfato. Questo è un processo di riduzione simile in cui gli esseri umani convertono il cibo in energia, ma invece di utilizzare l’ ossigeno questi microbi usano il solfato.

Queste comunità microbiche vivono in condizioni estreme che possono assomigliare all’ inizio della vita sulla Terra, prima che l’ ossigeno fosse ampiamente presente nell’ atmosfera. Essi forniscono indizi su come la vita potrebbe potenzialmente svilupparsi su altri pianeti privi di un’ atmosfera ricca di ossigeno come la Terra. Inoltre, fornisce un’ ulteriore prova dei molti modi in cui la vita può adattarsi ad ambienti estremi.

What do you think?

-1 points
Upvote Downvote

Total votes: 7

Upvotes: 3

Upvotes percentage: 42.857143%

Downvotes: 4

Downvotes percentage: 57.142857%

italo disco le canzoni più belle

ItaloDisco Anni 80 : le canzoni che hanno fatto la storia

la porta dellinferno turkmenistan 150x150 - La Porta dell'Inferno Cratere in Fiamme da 40 anni in Turkmenistan

La Porta dell'Inferno Cratere in Fiamme da 40 anni in Turkmenistan